Facebook PicBadge



Module by: Camp26.Com

Home Forum
Benvenuto, Ospite
Nome Utente Password: Remember me

Il film e il pare degli altri
(1 Online) (1) Ospite
  • Pagina:
  • 1

ARGOMENTO: Il film e il pare degli altri

Il film e il pare degli altri 5 Anni, 10 Mesi fa #36

  • anna.p
  • Offline
  • Fresh Boarder
  • Messaggi: 7
  • Karma: 0
La sera del 18 u.s. ho visto il film. Il 19 ho scritto nel precedente Topic il mio giudizio sul film che qui sotto riporto poichè nessuno ha risposto, e a me farebbe piacere conoscere anche il parere di altri.
Ringrazio anticipatamente chi vorrà rispondere.
Anna

Ieri sera ho già visto il film. Spettacolare, ben fatto, attori molto bravi! Regia magistrale, moderna, sicuramente molto apprezzata dal pubblico più giovane. Il filo conduttore piuttosto sotto traccia. La presentazioone , con un pizzico di erotismo, e qualche scena forte, anche violenta, come sempre avviene in una storia romanzata, riproduce comunque i punti salienti proprio di una storia vera. La storia della nostra umanità, la storia di una ricerca seria, che ha impegnato per alcuni decenni, un ricercatore serissimo, Corrado Malanga!
Un grazie sentito a tutti coloro che hanno partecipato alla realizzazione di questo film! Anna

Re: Il film e il pare degli altri 5 Anni, 10 Mesi fa #40

  • Lavinia
  • Offline
  • Fresh Boarder
  • Messaggi: 3
  • Karma: 0
Fra i molti commenti e le molte recensioni dedicati a questo film, una in particolare mi ha colpito e, con il permesso dell'autore, la riporto di seguito (da facebook). L'articolo è di Dario Canil (David Dario su FB):


"Film Stupendo, emozionante, sincero, vero.
Varo Venturi racconta in una sapiente sintesi - mista alla capacità di narrare una storia capace di affascinare lo spettatore - gli elementi essenziali della pluridecennale ricerca del dr. Corrado Malanga, biochimicho dell'Università di Pisa e massimo esperto mondiale di interferenza aliena.
Si parla di Anima e libertà dell'Essere in contrapposizione alle millenarie modalità schiavizzanti occultate dalla socializzazione. Il mondo non è come sembra e la gran parte dell'umanità non se ne accorge. Una piccola percentuale del genere umano sente pulsare nel petto un ancestrale anelito di libertà, è il palpito dell'Anima, l'energia crearice della vita che non si possiede ma si è. La componente animica è così irretita dalle occulte forze di controllo e manipolazione da necessitare di una presa di consapevolezza intorno a ciò che in essenza E', prima che sia troppo tardi, prima che tali forze occulte sferrino il loro colpo di grazia. Il film di Varo Venturi, complice la consulenza di Corrado Malanga, abbraccia proprio l'intento di costituire una possibilità di risveglio per Anima, nello spettatore che magari va al cinema per un buon film di fantasciena e si ritrova attivata una più ampia consapevolezza della realtà che lo circonda. La fiction del film cattura, appassiona, trascina nel suo ritmo eppure ad ogni scena, ad ogni dialogo è collegata qualche importante, reale, informazione. E questo vale più di tutto, persino del fatto che come dicono alcuni, la figura di Corrado Malanga venga poco valorizzata e che questo non costituisca un adeguato biglietto da visita da presentare a chi ancora non lo conosce. Nella realtà egli ha 60 anni e nel film 40, nella realtà il suo contesto non è fatto di facili cedimenti agli impulsi sessuali, né alla droga né ad altre "debolezze" caratteriali che delineano il suo personaggio nel film, ovvero Davide Piso.
Ma se lo stesso Corrado Malanga non si sente sminuito o impoverito nell'immagine resa dal suo alter-ego Davide Piso, dove sta il problema? Solo nella mente dello spettatore che bene conosce l'originale e che vorrebbe a tutti i costi che tutte le normalmente palesi qualità del proprio eroe venissero messe in luce. A Corrado Malanga non importa della propria immagine soprattutto considerato ciò che c'è in gioco, ovvero il risveglio della coscienza animica nell'umanità. E allora ben venga un buon film, anche se non è fedele immagine del Corrado che gli amici e i simpatizzanti conoscono. Ma è davvero fedele immagine di una cruda, inquietante realtà fatta di complotti, di trame occulte, di alterazione delle notizie diffuse dai mass media, dell'obnubilamento di esseri umani ridotti ad autentici schiavi. Non c'è peggior modo di essere schiavi che credere di non esserlo affatto. Su questo il film lavora sapientemente, orchestrando luci e colori in una fotografia ossessivamente realistica, in ambientazioni noir che riflettono adeguatamente il conflitto trascendentale delle persone rapite, ma anche di tutte le altre che condividono i riflessi negativi dell'interferenza vivendo in un mondo che è una sorta di enorme Truman Show. Una nota di particolare apprezzamento va inoltre agli attori, dall'eccezionale Laura Glavan superba nel suo doppio ruolo di Saturnia/Hexabor, a Massimo Poggio nel difficile ruolo di Corrado Malanga, a Varo Venturi incisivo a dir poco nel suo ruolo di ex gesuita fuori dalle righe, agli imeccabili genitori di Saturnia, tremendamente glaciali, Francesca Schiavo e Giovanni Visentin, all'asistente genio della canna Ludovico Fremont, alle forze dell' "ordine" dei vari servizi segreti. Un casting ottimamente riuscito!
Questo film fa scaturire diversi interessanti brividi, commovente, intrigante, creativo, stupendo!
Grazie Corrado Malanga, grazie Varo Venturi!"

Re: Il film e il pare degli altri 5 Anni, 10 Mesi fa #41

  • anna.p
  • Offline
  • Fresh Boarder
  • Messaggi: 7
  • Karma: 0
Grazie, Lavinia per avermi fatto partecipe di un giudizio che esprime veramente tutto quello che si poteva dire di questo film!
Purtroppo non tutti comprendono, non possono o non vogliono!
Grazie ancora!
Anna
  • Pagina:
  • 1
Tempo generazione pagina: 0.55 secondi